Guadagnare senza lavorare - le false guide - Vivo Come Voglio
Vivo tra i Libri
11 Luglio 2012
Quanto costa non dormire?
12 Luglio 2012
Mostra Tutto

Guadagnare senza lavorare – le false guide

Ieri ero in libreria per acquistare due libri da regalare. Sapevo esattamente autore e titolo dei libri che volevo, ma visto che amo stare in mezzo ai libri ed avevo un po’ di tempo a disposizione, invece di chiedere al commesso di recuperarmi i due volumi gli ho chiesto semplicemente di indicarmi lo scaffale.

I libri che cercavo sono di Dale Carnegie e sono talmente ben concepiti da risultare eccellenti in ogni tempo.

Ma non è di Carnegie che voglio parlare in questo articolo, bensì dei libri che lo circondano.

Mi guardo un po’ in giro dunque e noto anzitutto come la libreria in cui sono metta sullo stesso piano i temi “Vivere senza Stress” e “Fare Soldi Facili”.

I libri che sto acquistando infatti sono del tipo “impara a gestire lo stress e vivi meglio” e “impara come stare bene con gli altri”, ma subito accanto ci sono una serie di libri del tipo “guadagnare soldi senza fatica”, “come diventare milionario in 5 passi”, “diventa ricco con il tuo blog” e così via.

Molti di questi libri li ho visti e stra visti, diversi li ho sfogliati, alcuni li ho anche letti …ma lasciando scorrere lo sguardo da una copertina all’altra ne vedo uno che non conosco.

Il titolo è significativo ed è studiato per essere d’impatto. L’argomento è: come passare da lavorare 40 ore la settimana per portare a casa 40.000euro all’anno a lavorare 4 ore la settimana e i 40.000 portarli a casa in un mese.

“WOW! Molto Invitante! Fammi dare un’occhiata!”

Non credo proprio che lo comprerò, un po’ perché i soldi che ho in tasca mi bastano giusto per i due libri che sono venuta a comprare e un po’ perché, libro dopo libro, ho imparato che certi titoli così d’impatto spesso nascondono un contenuto piuttosto scarso. Però non posso resistere alla voglia dargli un’occhiata!

Quindi prendo su il libro e comincio a sfogliarlo e… beh! Ci risiamo! La solita americanata!

C’è un giovane americano che, a detta sua, si barcamenava appena e non sopportava di fare un lavoro da dipendente per cui dall’oggi al domani mette in piedi una società, applica 4 o 5 concetti di quelli che si trovano suggeriti in qualsiasi blog di web marketing o dedicato al guadagnare facile e trac! Eccolo milionario che si gode la vita girando per il mondo mentre una serie di “assistenti” reali o virtuali lavorano per lui.

Bella idea, affascinante, anche realizzabile probabilmente… peccato che gran parte di ciò che si legge nel libro si applicabile in America ma non in Italia!

E già! Perché il problema con questo genere di libri è che vogliono porsi come una via di mezzo tra il motivazionale e il pratico, ovvero: ti racconto la mia esperienza di successo (motivazionale) e poi ti spiego come puoi muoverti anche tu in modo pratico per arrivare al mio stesso successo.

E indovina per quale delle due parti vengono per lo più acquistati?! Esatto!!! Per la parte “adesso ti spiego come puoi farlo anche tu“.

Ed è normale che sia così!

Perché in vero di libri “motivazionali” ce ne sono a mucchi, sono quelli che entrano nel pratico che scarseggiano. E uno dopo un po’ che legge ed è riuscito a motivarsi, vuole anche capire come effettivamente può muoversi qui, oggi …vale a dire in Italia, nel 2012.

Ma il problema è che chiunque compri questo genere di libri da questa prospettiva non può che restare deluso, non perché l’autore dica stupidaggini o non sia bravo a scrivere, ma più semplicemente perché

  1. non scrive oggi (la maggior parte di questi titoli che da noi appaiano solo ora sono di un po’ di anni fa!)
  2. non parla della nostra realtà! (l’America è ben diversa dall’Italia!)

Quindi in sostanza approcci il libro piena di belle speranze e dopo il primo momento di esaltazione che ti viene dalla carica positiva che da’ il vedere come  esistano persone che passano per davvero dalle stalle alle stelle (e se ce la fatta lui perché io no?!) ti ritrovi vicino alla depressione appena cominci a leggere di “modi” che qui oggi non funzionano o non sono proprio applicabili…

Ma come si fa dunque ad evitarsi questo tipo di delusioni?

Come “andare sul sicuro” quando si sceglie un libro che si propone come una “guida al successo”?

Continua a seguirmi per scoprirlo!

Condividere è un modo di dire Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.